Polizia municipale e convivenza civile: nuove regole

Il Consiglio comunale ha approvato oggi pomeriggio all’unanimità il nuovo regolamento della Polizia municipale. Si tratta, anzi, di qualcosa più ampio: è un “Regolamento di Polizia Urbana e norme per la convivenza civile”. Anche Fiesole, così, ha adottato il testo unico, composto da 28 articoli, promosso e condiviso da ventuno amministrazioni comunali della Città Metropolitana di Firenze e presentato lo scorso ottobre alla presenza del Prefetto Laura Lega. Le amministrazioni coinvolte – oltre a Fiesole – sono quelle di Barberino del Mugello, Barberino Val d’Elsa, Borgo San Lorenzo, Calenzano, Campi Bisenzio, Dicomano, Figline e Incisa Valdarno, Greve in Chianti, Impruneta, Lastra a Signa, Marradi, Palazzuolo sul Senio, San Casciano Val di Pesa, Scandicci, Scarperia e San Piero, Sesto Fiorentino, Signa, Tavarnelle Val di Pesa, Vaglia e Vicchio. In questi comuni, dove è in corso di approvazione dai rispettivi consigli comunali, si avrà così un regolamento unico, frutto del lavoro di condivisione dei comandanti della Polizia municipale delle amministrazioni interessate, così da avere norme e sanzioni allineate e aggiornate al decreto Minniti.
Come detto, non è semplicemente un regolamento dei vigili urbani. Ma un testo che riguarda anche la convivenza civile e il coinvolgimento dei cittadini: dalla responsabilizzazione di esercizi commerciali e privati per la pulizia davanti ai propri immobili, all’obbligo per gli stessi di sgomberare dalla neve e dal ghiaccio i tratti di marciapiede davanti al proprio ingresso. Le norme riguardano inoltre igiene urbana, tutela del pubblico decoro di abitato e aree verdi, quiete e tranquillità, sicurezza, cultura della legalità. Fra gli articoli, il divieto di affissioni sui pali dell’illuminazione pubblica o le norme per i proprietari di animali, col dovere di impedire rumori molesti. Norme anche per gli artisti di strada, ma anche un riconoscimento ribadito del ruolo sociale della Polizia municipale, specie in caso di emergenze che coinvolgano persone sole o anziane.