Fiesole aderisce a Rifiuti Zero

Il Comune di Fiesole ha aderito alla strategia Rifiuti Zero. Si tratta non di una semplice etichetta che poniamo al nostro territorio, ma di un’azione importante, europea e mondiale – Zero Waste – con una sua rete italiana e tante adesioni da parte dei Comuni. È una strategia globale sui rifiuti, una visione che come Cittadini per Fiesole sposiamo pienamente. Ed è basata sulla promozione di politiche per la riduzione dei rifiuti, il riciclo e il riuso dei materiali e degli oggetti, l’aumento della raccolta differenziata. Attualmente nel Comune di Fiesole la percentuale di differenziata si aggira attorno al 70%. Con l’adesione a Rifiuti Zero che abbiamo appena adottato   ci siamo dati un obiettivo ambizioso: quello del raggiungimento dell’85% entro il 2022. Per quest’ultimo obiettivo, in linea con l’adesione a Rifiuti Zero – che è stata votata all’unanimità dal Consiglio Comunale: la maggioranza di Cittadini per Fiesole e le opposizioni di Pd e Gruppo Misto – la raccolta porta a porta in fase di estensione all’intero Comune è un tassello importante: è infatti il metodo di raccolta che, lo dicono le statistiche, produce la maggior percentuale di differenziata e la migliore qualità del materiale da avviare al riciclo. Ma la raccolta è solo un tassello. La delibera prevede anche l’impegno per il Comune, compatibilmente con i vincoli di bilancio, a istituire un centro dove beni durevoli e imballaggi possano essere raccolti e reimmessi nei cicli di riutilizzo, ricorrendo eventualmente anche all’apporto di cooperative sociali, al mondo del volontariato o alla cittadinanza attiva.

Fra i punti che abbiamo stabilito, c’è l’istituzione di un Osservatorio verso Rifiuti Zero, un organo che verifichi il percorso (la riduzione complessiva della quantità, l’innalzamento della quota di differenziata e di riuso) indicando quelle che sono le criticità e le soluzioni. Si tratta di un organo importante perché ne faranno parte non solo il Sindaco e l’Assessore all’ambiente, ma anche una rappresentanza della società civile. I cittadini entrano, così, a pieno titolo e attivamente a controllare quanto viene fato in un ambito così importante che riguarda il futuro di tutti noi. Come spiega Francesco Capezzuoli di Rifiuti Zero Firenze, “L’adesione da parte del Comune è un primo passo per avviare un percorso verso la sostenibilità da parte di un Ente che ha il potere di influenzare le abitudini quotidiane dei cittadini stessi”. Infine, come sottolinea l’Assessore al Territorio del Comune di Fiesole Iacopo Zetti, “Un altro punto importante del testo approvato è il mandato che viene dato alla Giunta Comunale di prendere parte a ogni futuro dibattito regionale sullo smaltimento dei rifiuti, così che le misure che non prevedono riuso o riciclo siano ridotte al minimo”.