Che cosa abbiamo fatto per Fiesole in questi cinque anni

Cinque anni intensi, di duro lavoro. Per Fiesole. Per lasciarla migliore di come l’abbiamo ereditata dalle precedenti Amministrazioni. E ci siamo riusciti. Risanando il bilancio, certo; ma anche ricostruendo il senso di comunità nella nostra città e nel territorio. Ecco che cosa abbiamo fatto e che rivendichiamo con orgoglio. Nella pubblicazione che potete scaricare qui trovate riassunti in breve i principali risultati di questi nostri anni alla guida del Comune.

clicca sull’immagine per scaricare il PDF

Compiobbi-Vallina, più vicina la nuova passerella sull’Arno

Decisivi passi avanti verso la realizzazione della passerella ciclopedonale sull’Arno che collegherà Compiobbi con Vallina. Oggi pomeriggio abbiamo infatti approvato all’unanimità in Consiglio Comunale la variante urbanistica, passo necessario nell’iter dell’opera. Nei giorni scorsi, la Città Metropolitana di Firenze aveva approvato il progetto definitivo della passerella stessa. Un progetto da 2,425 milioni finanziati dal Bando Periferie del Governo, fondi richiesti dal Comune di Fiesole insieme a quello di Bagno a Ripoli e gestiti dalla Città Metropolitana. Nel progetto definitivo è stato fissato anche il crono programma per la realizzazione dell’opera, con il termine dei lavori fissato per il 2021. Si tratta di un risultato importante per più aspetti. Innanzitutto si tratta di un’opera fortemente richiesta dal basso, tramite l’iniziativa dei cittadini, con la sinergia della Proloco della Valle dell’Arno, con Francesco Cecconi, e dell’associazione Natura e Vita di Bagno a Ripoli, con Francesco Zito, scomparso qualche anno fa. La passerella ciclopedonale è poi un importante stimolo alla mobilità sostenibile, agevolando collegamenti fra Compiobbi e la zona industriale di Vallina e lo scambio con treno e trasporto pubblico. Infine, la passerella rappresenta per la nostra Amministrazione il risultato di un bel lavoro di squadra con gli altri enti, il Comune di Bagno a Ripoli e il Sindaco Francesco Casini, e la Città Metropolitana. “Un progetto che ha trovato anche grande consenso in sede di Conferenza dei Servizi”, come sottolinea l’Assessore al Territorio Iacopo Zetti. In definitiva, è un risultato importante a favore dei cittadini della Valle dell’Arno.

Otto milioni di finanziamenti

Davanti alle ristrettezze di bilancio (di cui si parla qui) non siamo stati con le mani in mano. Siamo andati a cercare e trovare finanziamenti pubblici della Regione, dei Ministeri e dell’Unione Europea, così come avevamo previsto nel nostro programma elettorale. Abbiamo messo in campo otto milioni di euro, un risultato mai raggiunto dalle precedenti Amministrazioni, destinati alla progettazione e alla realizzazione di importanti opere pubbliche: la fognatura nella Valle dell’Arno, opera attesa da anni e la cui assenza ci avrebbe procurato sanzioni derivanti dalle normative europee sull’inquinamento; la messa in sicurezza delle scuole nella Valle dell’Arno; la manutenzione delle scuole di Pian di Mugnone, Compiobbi e Caldine, la passerella ciclopedonale sull’Arno a Compiobbi. Oltre a una serie di progetti che hanno visto protagonisti i nostri Musei.

Ecco nel dettaglio i finanziamenti che siamo riusciti a trovare per opere e servizi nel Comune.

  • Un finanziamento del Ministero dell’Ambiente (erogato attraverso l’Autorità Idrica Toscana) di circa 2 milioni di euro per la realizzazione della nuova fognatura nella valle dell’Arno.
  • Un finanziamento di circa 3 milioni ottenuto attraverso il Bando Periferie del Governo per il miglioramento e la messa in sicurezza degli edifici scolastici nella valle dell’Arno.
  • Il finanziamento di 2,425 milioni, sempre all’interno del Bando Periferie, della passerella ciclo-pedonale fra Compiobbi e Vallina, finanziamento richiesto insieme al Comune di Bagno a Ripoli e gestito dalla Città Metropolitana.
  • I finanziamenti regionali ottenuti per studi sulle condizioni dell’edilizia scolastica: 33mila euro circa per verifiche sismiche e 46mila euro circa per verifiche ai solai.
  • Il finanziamento per la sistemazione del campo di calcetto vicino alla scuola di Borgunto, proveniente dal bando Spazi attivi della Fondazione Cassa di Risparmio per 32mila euro, integrato da un cofinanziamento dell’Amministrazione Comunale per una cifra equivalente.
  • Nell’ambito del Sistema di cooperazione tra Musei, a cui partecipano, assieme al Comune di Fiesole (capofila), il Comune di Firenze con Mus.e, l’Istituto degli Innocenti e la Fondazione Primo Conti, sono stati realizzati alcuni progetti di rete, che hanno ottenuto il contributo della Regione Toscana: 81mila euro nel 2017 per il progetto “Il pubblico al centro”; 17mila nel 2017 per “Museo? I don’t like”. E nel 2018, 36mila euro per un importante progetto di inclusione: AMIR – Accoglienza, Musei, Inclusione, Relazione – per favorire il dialogo fra musei e migranti. Un progetto che ha ottenuto la valutazione più alta della commissione valutatrice.
  • Inoltre nel 2017 i Musei di Fiesole hanno ottenuto un contributo di 20mila euro dalla Fondazione Cassa di Risparmio di Firenze, sul Bando “Laboratori Culturali”, per la realizzazione del wi-fi negli spazi museali e la realizzazione di una App in realtà aumentata di ausilio alla visita del Museo Bandini.

E ancora, abbiamo partecipato ai bandi della Regione Toscana per la realizzazione della ciclovia dell’Arno. La proposta del Comune è entrata nell’elenco dei tratti finanziati, ma il finanziamento non è stato ad oggi ancora erogato.