VIDEO / Ecco il Piano Strutturale

Conservazione del nostro territorio che è un patrimonio unico, con consumo di suolo zero e con riuso e recupero di edifici sottoutulizzati. Protezione del paesaggio e valorizzazione delle aree rurali, con il distretto biologico che diventa un elemento fondamentale. Ma anche riaffermazione della destinazione socio sanitaria dell’ex ospedale di Sant’Antonino, che deve tornare a essere una struttura a servizio dei cittadini fiesolani. Sono questi alcuni degli elementi del nuovo Piano strutturale, lo strumento urbanistico che disegna il futuro del nostro territorio per i prossimi anni e che abbiamo adottato lo scorso 28 febbraio, dopo un percorso che ha visto, ed è stata la prima volta, anche la possibilità per i cittadini di partecipare al processo di formazione del Piano stesso. Un bel risultato, che rivendichiamo orgogliosamente e che darà un’impronta precisa a Fiesole per il prossimo futuro. Qui lo presenta l’Assessore al Territorio Iacopo Zetti, che ci lavorato insieme a Luca Nespolo e all’Ufficio urbanistica e con il gruppo di progettazione coordinato dall’architetto Gianfranco Gorelli.

Il regolamento per i Beni comuni

La consigliera Silvia Mantovani, Cittadini per Fiesole

I cittadini di Fiesole hanno da oggi uno strumento rinnovato per essere cittadini attivi. Il Consiglio Comunale ha infatti approvato all’unanimità oggi pomeriggio una nuova versione del regolamento per l’Amministrazione condivisa dei Beni comuni. Sono passati quasi quattro anni da quando a Fiesole era stato approvato il precedente regolamento, e il nostro Comune era stato uno dei primi in Italia a dotarsi di questo strumento, approvato successivamente in più di 180 Comuni. Ancora Fiesole si è fatta capofila della revisione del testo, con un gruppo interdisciplinare di studio guidato da Labsus, il Laboratorio per la Sussidierietà.
Si tratta di un regolamento importante, presentato oggi in Consiglio Comunale da Silvia Mantovani, consigliera del gruppo Cittadini per Fiesole. Un testo di cui siamo orgogliosi come lista civica che fa della partecipazione dei cittadini uno dei propri temi centrali. Adesso, con il regolamento rinnovato, che sostituisce il precedente dopo questi anni di rodaggio, i cittadini che si vogliano attivare per il bene comune possono farlo. Ad esempio per la manutenzione di aree verdi, per la gestione di spazi pubblici, per l’attivazione di servizi per la collettività. Si tratta di un modo di applicare il principio di sussidiarietà, presente nella Costituzione fin dal 2001, che si pone una duplice sfida: vincere la diffidenza dei cittadini, dimostrando che è possibile instaurare con le le istituzioni rapporti di reciproca fiducia e collaborazione e dall’altro cambiare una macchina amministrativa con l’intervento attivo degli abitanti.
Si introducono, insomma, regole che facilitano la partecipazione, liberando energie e favorendo la libera iniziativa dei cittadini – e sono tanti – che desiderano mettere a disposizione idee ed energie a favore della comunità.

Adottato il Piano Strutturale

Il Consiglio Comunale di Fiesole ha adottato oggi pomeriggio, 28 febbraio, il nuovo Piano Strutturale che contiene i principi guida per il governo del territorio comunale. Il provvedimento è passato con i voti favorevoli dei consiglieri di Cittadini per Fiesole, il voto contrario del Pd e l’astensione del Gruppo Misto. Il nuovo strumento urbanistico, che sostituisce il Piano Strutturale approvato venti anni fa, è stato progettato con il coinvolgimento di cittadini, imprese e associazioni, garantendo la partecipazione della collettività nelle scelte urbanistiche. “L’Amministrazione ha svolto un percorso di partecipazione dedicato esplicitamente a raccogliere sollecitazioni, proposte, rilievi di criticità” – afferma l’assessore al territorio, Iacopo Zetti – “ben sapendo che la città la fanno prima di tutto gli abitanti attraverso le proprie necessità e modalità di uso quotidiano, piuttosto che gli uffici deputati alla pianificazione urbanistica ed i progettisti, ancorché entrambi assolutamente necessari alla buona gestione del territorio”.

L’Assessore al Territorio Iacopo Zetti

Il primo punto caratterizzante il Piano Strutturale è la prosecuzione dell’azione di conservazione e valorizzazione di un territorio che ha ampi valori patrimoniali, limitando il consumo di nuovo suolo a soli interventi di carattere pubblico, ed incentivando il riuso del patrimonio edificato, con una particolare attenzione ai contenitori per i servizi di utilità collettiva. Il piano raccoglie poi la sfida di favorire e incentivare le dinamiche positive già in atto nel territorio, come il turismo diffuso, il sostegno alle attività agricole professionali e amatoriali, la valorizzazione della rete delle istituzioni culturali di alto livello e lo sviluppo delle attività produttive esistenti, mediante adeguamenti che forniscano garanzia di qualità architettonica e paesaggistica.

La valorizzazione delle aree rurali e quindi la protezione del paesaggio, si coniuga con azioni che favoriscono le attività produttive dentro un “patto” collettivo di cura del territorio che vede il distretto biologico come uno degli elementi che entrano nelle strategie del piano con grande rilevanza.

Iacopo Nespolo, responsabile Dipartimento Urbanistica

Accanto alle azioni di sostegno alle realtà esistenti si collocano nuove strategie come l’implementazione della mobilità alternativa, soprattutto lungo la valle dell’Arno e le politiche dell’abitare, con iniziative sociali utili a rispondere alla domanda crescente di accesso alla casa, tese alla soddisfazione di un diritto fondamentale delle cittadine e dei cittadini.

Il Piano Strutturale si rivolge ai cittadini sapendo che il futuro del territorio non può che essere visto con fiducia ed ottimismo fino a quando questa collettività se ne prenderà cura, come questo percorso di costruzione del Piano Strutturale ha dimostrato di sapere e volere fare.

Chi ne volesse sapere di più, può guardare il video dove l’Assessore al Territorio Iacopo Zetti illustra il Piano.

Il 7 torna alla Stazione

Ci siamo: la linea 7 Ataf torna ad avere il capolinea alla stazione di Santa Maria Novella. La novità sarà immediatamente operativa non appena entrerà in funzione la linea 2 della tramvia fiorentina, circostanza annunciata per l’11 febbraio. L’autobus 7 tornerà così a collegare Fiesole con la stazione principale di Firenze. Un bel risultato per cui la nostra Amministrazione si è adoperata con tutte le forze, portando avanti le nostre ragioni all’interno del tavolo tecnico cheriunisce Regione, Città Metropolitana e i Comuni dell’area metropolitana serviti da Ataf. Grande è la mia personale soddisfazione per questo successo importante per tutti i cittadini, ma anche per il turismo e per i tanti enti culturali che hanno sede da noi, come l’Istituto Universitario Europeo o la Scuola di Musica di Fiesole. Il capolinea del 7 alla stazione sarà in Largo Alinari (in fondo a via Nazionale). 

La modifica impone un riassetto del percorso:
DA FIESOLE ALLA STAZIONE: fino a piazza San Marco resta invariato l’attuale itinerario. Il 7 poi entra in via degli Arazzieri, prosegue in via XXVII Aprile, piazza Indipendenza, via Nazionale fino al capolinea in Largo Alinari.
DALLA STAZIONE A FIESOLE: Largo Alinari, piazza della Stazione, via Valfonda, viale Filippo Strozzi, viale Spartaco Lavagnini, piazza della Libertà (lato Arco dei Lorena), viale Don Minzoni. Da viale Don Minzoni percorso inalterato. ATTENZIONE: in direzione Fiesole sono soppresse le fermate piazza San Marco, La Pira, Venezia (via La Marmora), Libertà (lato Poste sotto i portici).

Rifiuti, porta a porta in arrivo

Sono in arrivo importanti novità in tema di rifiuti per tutto il comune di Fiesole. Dal prossimo giugno il servizio di raccolta porta a porta sarà infatti esteso a tutto il territorio comunale. E qualche correzione si avrà anche nel capoluogo e a Caldine dove questo sistema di raccolta è già da tempo attivo. Quello del porta a porta è il sistema che stanno scegliendo sempre più Comuni dell’ATO Toscana Centro (Ambito Territoriale Ottimale, ovvero  l’autorità che riunisce i Comuni delle Province di Firenze, Prato e Pistoia per il servizio di gestione dei rifiuti), dove opera il nostro gestore Alia. Il sistema è ad esempio entrato recentemente in funzione nei Comuni limitrofi, come nel Mugello, circostanza che ha portato a una migrazione dei rifiuti verso i nostri cassonetti e ad abbandoni sempre più frequenti nel nostro Comune. Situazioni concomitanti che ci hanno portato a puntare sul sistema del porta a porta in un quadro più ampio di una visione ambientale in cui come sindaco e come Cittadini per Fiesole siamo impegnati per il nostro territorio. Lo so: la novità richiede un cambiamento di abitudini e può non essere facile all’inizio. Ma è statisticamente provato che laddove è in funzione il sistema porta a porta la raccolta differenziata aumenta: i cassonetti sono infatti considerati una sorta di “buco nero” dove basta che qualcuno getti rifiuti sbagliati per vanificare il buon lavoro di tanti.

Il nuovo sistema fiesolano sarà articolato secondo un calendario che si svilupperà su sei giorni di raccolta, sabato compreso. Tre volte alla settimana per l’organico, una volta alla settimana per il multimateriale, una volta alla settimana per la carta, una volta alla settimana per il residuo indifferenziato. Per i pannolini e pannoloni verranno distribuiti dei sacchi di colore arancione: Alia fisserà individualmente con i cittadini i giorni in cui passerà a ritirarli, tre giorni la settimana.

Stiamo lavorando per realizzare un’isola ecologica al cantiere comunale di via del Calandrino. Nell’attesa, in tutti i mercati (lunedì a Caldine, martedì a Compiobbi, giovedì a Pian del Mugnone, venerdì al Girone e sabato a Fiesole) i cittadini potranno trovare l’Ecofurgone di Alia dove potranno portare piccoli rifiuti, piccoli elettrodomestici, batterie.

Per spiegare al meglio le novità abbiamo messo in calendario una serie di assemblee. Sono tanti incontri, undici, in ogni frazione, due incontri la settimana per un mese: uno sforzo comunicativo che nessun altro Comune ha messo in piedi. Saranno presenti tecnici comunali e responsabili di Alia per i dettagli tecnici. E sarò presente pure io personalmente, insieme all’Assessore al Territorio Iacopo Zetti, per rispondere ai vostri dubbi e questioni. Il calendario lo trovate qui sotto, con tutti gli appuntamenti cui vi invito a essere presenti.

Seguiranno tre mesi in cui verranno distribuiti casa per casa i kit per la raccolta differenziata, con i cestini e i mastelli per i vari tipi di rifiuto. Qualora ci fossero cittadini assenti quando passano gli addetti, saranno fornite istruzioni su dove andare a ritirare questi materiali. Il primo lunedì del mese c’è poi in Comune a Fiesole il servizio Alia Point per richiedere informazioni. E ancora: come Cittadini per Fiesole abbiamo l’intenzione di costituire un Osservatorio sui rifiuti, un tavolo fra tecnici e cittadini di tutte le frazioni: uno strumento che svolga un monitoraggio costante sulle effettive modalità di raccolta, segnalando le problematiche che emergeranno e proponendo aggiustamenti. Ma che serva anche a promuovere e valorizzare le buone pratiche presenti sul nostro territorio nel campo dei rifiuti. 

L’ambiente in cui viviamo è un bene prezioso, di cui ciascuno di noi è responsabile. Migliore è la qualità della raccolta differenziata, maggiore è il riuso e il riciclo dei materiali, minore è la pressione che esercitiamo sull’ambiente che ci circonda. Produrre meno rifiuti – arrivare ai “rifiuti zero” – è un obiettivo su cui la nostra Amministrazione crede fermamente, convinti come siamo che la qualità di un ambiente unico come quello del territorio fiesolano sia il nostro più grande valore. E su questo vogliamo puntare per la Fiesole che vogliamo domani.

Sant’Antonino: la nostra posizione

È grazie alla risposta ad un’interrogazione del Consigliere regionale di Fratelli d’Italia Paolo Marcheschi, che siamo venuti a conoscenza dell’importo della nuova valutazione di stima formulata dall’Agenzia delle Entrate per l’ex Ospedale Sant’Antonino di Fiesole. 
Questo immobile, il cui valore era di 7.100,000,00 è ora stato valutato in 3.490.000,00, che era il valore che più o meno circolava da qualche tempo e, obiettivamente il suo valore commerciale. 
Ovviamente, questo è il valore corretto per il mantenimento della destinazione socio-sanitaria, come noi, Cittadini per Fiesole, abbiamo sempre ribadito debba rimanere.
Infatti, anche negli incontri con la ASL, che ricordo è il proprietario dell’immobile, abbiamo sempre detto che la destinazione è quella e non può essere altra.
È questo che i fiesolani vogliono ed è questo che io e tutta la mia Amministrazione abbiamo con forza portato avanti.
Questa posizione, discussa in varie occasioni con i vertici della ASL, della Regione e con i vari possibili investitori, è stata anche condivisa in una Assemblea pubblica convocata dallo SPI – CGIL alla Casa del Popolo di Fiesole, a cui ha partecipato il Direttore Generale ASL insieme al mio ex Assessore al sociale e alla sottoscritta.
Anche in recentissimi incontri con la Dirigenza della ASL, le posizioni sono state chiare: destinazione socio sanitaria (RSA, cure intermedie, condomini protetti, cohousing sociale, ecc.) oltre a 500 mq.da destinare a Distretto Socio Sanitario che a Fiesole ormai manca da troppo tempo e di cui Fiesole ha bisogno. 
Inoltre, visto che l’immobile è sempre stato patrimonio di Fiesole, abbiamo anche condiviso che una parte dell’introito che deriverà dalla vendita, dovrà essere investito su immobili di proprietà della ASL sul territorio comunale, come gli ambulatori di Compiobbi, che vanno interamente ristrutturati e l’immobile di Camerata, che pur essendo sul territorio di Firenze, da sempre i fiesolani lo considerano un bene della comunità. 
A questo punto, subito il bando per la vendita!
Per evitare che si lasci spazio a manovre speculative.

Fiesole 2019: alcune priorità

Cinque passi verso il voto/3. Dopo aver parlato del modo in cui intendiamo costruire il programma, affrontiamo oggi alcune delle priorità. Naturalmente i temi saranno anche molti altri oltre a quelli che trovate in questo video: dai rifiuti alla sicurezza, alle tante esigenze del centro e delle frazioni. E non dubitate che ne parleremo ancora insieme.

Auditorium: la volta buona?

La pubblicazione del bando è ormai imminente, entro la fine dell’anno. E segna, così, un passo importante, forse decisivo verso la fine di un’odissea che si trascina da tanto, troppo tempo: quella dell’Auditorium di piazza del Mercato. Una struttura voluta e costruita dalle precedenti amministrazioni, la cui vicenda risale almeno a quindici anni fa, quando fu posta la prima pietra. Con il bando che il Comune presenterà a giorni (quello dello scorso anno, pubblicato per un periodo molto breve, era andato deserto), si andrà a individuare il soggetto che finalmente si occuperà del completamento e della valorizzazione della struttura.
In pratica, chi si aggiudicherà la concessione, potrà gestire l’Auditorium, dopo averlo completato curandone allestimento e arredi adatti alla funzione specifica cui lo destinerà. Punto fermo: la destinazione dell’edificio dev’essere culturale. Si tratta della cosiddetta “concessione di valorizzazione”, ovvero una forma di collaborazione fra pubblico e privato per lo sviluppo del patrimonio pubblico: si assegna a soggetti privati il diritto di utilizzare a fini economici pr un certo periodo immobili pubblici, a patto che il privato li riqualifichi. Nel caso dell’Auditorium, il vincitore avrà a disposizione per il completamento delle opere un fondo di 1,1 milioni provenienti da finanziamenti regionali vincolati ad attività culturali.
Abbiamo, insomma, messo a punto una strategia per uscire dall’impasse di un progetto che, va detto, nel 2004 è nato sbagliato per dimensioni, tipologia e modalità di esecuzione rispetto alla realtà locale. Come spiega l’assessore all’Urbanistica, Iacopo Zetti, “Uno studio dell’Università di Firenze ha evidenziato tutte le problematiche della gestione della struttura e da tale situazione siamo ripartiti per costruire un bando che permettesse al vincitore di poter gestire in equilibrio la struttura, con un budget iniziale a disposizione che gli permetterà di completare l’opera secondo un progetto di gestione. Questo è particolarmente importante per far sì che in un prossimo futuro la struttura sia un polo di attività e non l’ennesimo debito da assumere da una collettività locale già duramente colpita da politiche di investimento sbagliate”. Sottolinea Barbara Casalini, assessore alla Cultura: “L’obiettivo che mi sono sempre posta, lavorando a questo complesso problema, è che l’Auditorium possa diventare, a prescindere dalla specifica destinazione cui si rivolgerà in termini prevalenti, un punto di riferimento nella vita e nel tessuto sociale di Fiesole. Le potenzialità di questo spazio, infatti, sono in grado di poter ospitare non solo manifestazioni delle prestigiose istituzioni culturali internazionali che ruotano intorno alla nostra città, ma anche di farne un luogo familiare e apprezzato nella vita e nelle varie attività associative dei fiesolani”.
Chi si aggiudicherà la concessione potrà gestire Auditorium e bar per un periodo che va da un minimo di sei a un massimo di cinquant’anni. L’edificio si sviluppa su cinque livelli, dall’ingresso/foyer, con sala espositiva, fino al bar e alla terrazza panoramica sul tetto. La sala è composta di platea e galleria. I posti per gli spettatori sono 316. Le offerte potranno essere presentate fino al 20 giugno. La valutazione comincerà il primo luglio. Sarà quindi la prossima Amministrazione a scegliere chi sarà il vincitore.