Rifiuti, porta a porta in arrivo

Sono in arrivo importanti novità in tema di rifiuti per tutto il comune di Fiesole. Dal prossimo giugno il servizio di raccolta porta a porta sarà infatti esteso a tutto il territorio comunale. E qualche correzione si avrà anche nel capoluogo e a Caldine dove questo sistema di raccolta è già da tempo attivo. Quello del porta a porta è il sistema che stanno scegliendo sempre più Comuni dell’ATO Toscana Centro (Ambito Territoriale Ottimale, ovvero  l’autorità che riunisce i Comuni delle Province di Firenze, Prato e Pistoia per il servizio di gestione dei rifiuti), dove opera il nostro gestore Alia. Il sistema è ad esempio entrato recentemente in funzione nei Comuni limitrofi, come nel Mugello, circostanza che ha portato a una migrazione dei rifiuti verso i nostri cassonetti e ad abbandoni sempre più frequenti nel nostro Comune. Situazioni concomitanti che ci hanno portato a puntare sul sistema del porta a porta in un quadro più ampio di una visione ambientale in cui come sindaco e come Cittadini per Fiesole siamo impegnati per il nostro territorio. Lo so: la novità richiede un cambiamento di abitudini e può non essere facile all’inizio. Ma è statisticamente provato che laddove è in funzione il sistema porta a porta la raccolta differenziata aumenta: i cassonetti sono infatti considerati una sorta di “buco nero” dove basta che qualcuno getti rifiuti sbagliati per vanificare il buon lavoro di tanti.

Il nuovo sistema fiesolano sarà articolato secondo un calendario che si svilupperà su sei giorni di raccolta, sabato compreso. Tre volte alla settimana per l’organico, una volta alla settimana per il multimateriale, una volta alla settimana per la carta, una volta alla settimana per il residuo indifferenziato. Per i pannolini e pannoloni verranno distribuiti dei sacchi di colore arancione: Alia fisserà individualmente con i cittadini i giorni in cui passerà a ritirarli, tre giorni la settimana.

Stiamo lavorando per realizzare un’isola ecologica al cantiere comunale di via del Calandrino. Nell’attesa, in tutti i mercati (lunedì a Caldine, martedì a Compiobbi, giovedì a Pian del Mugnone, venerdì al Girone e sabato a Fiesole) i cittadini potranno trovare l’Ecofurgone di Alia dove potranno portare piccoli rifiuti, piccoli elettrodomestici, batterie.

Per spiegare al meglio le novità abbiamo messo in calendario una serie di assemblee. Sono tanti incontri, undici, in ogni frazione, due incontri la settimana per un mese: uno sforzo comunicativo che nessun altro Comune ha messo in piedi. Saranno presenti tecnici comunali e responsabili di Alia per i dettagli tecnici. E sarò presente pure io personalmente, insieme all’Assessore al Territorio Iacopo Zetti, per rispondere ai vostri dubbi e questioni. Il calendario lo trovate qui sotto, con tutti gli appuntamenti cui vi invito a essere presenti.

Seguiranno tre mesi in cui verranno distribuiti casa per casa i kit per la raccolta differenziata, con i cestini e i mastelli per i vari tipi di rifiuto. Qualora ci fossero cittadini assenti quando passano gli addetti, saranno fornite istruzioni su dove andare a ritirare questi materiali. Il primo lunedì del mese c’è poi in Comune a Fiesole il servizio Alia Point per richiedere informazioni. E ancora: come Cittadini per Fiesole abbiamo l’intenzione di costituire un Osservatorio sui rifiuti, un tavolo fra tecnici e cittadini di tutte le frazioni: uno strumento che svolga un monitoraggio costante sulle effettive modalità di raccolta, segnalando le problematiche che emergeranno e proponendo aggiustamenti. Ma che serva anche a promuovere e valorizzare le buone pratiche presenti sul nostro territorio nel campo dei rifiuti. 

L’ambiente in cui viviamo è un bene prezioso, di cui ciascuno di noi è responsabile. Migliore è la qualità della raccolta differenziata, maggiore è il riuso e il riciclo dei materiali, minore è la pressione che esercitiamo sull’ambiente che ci circonda. Produrre meno rifiuti – arrivare ai “rifiuti zero” – è un obiettivo su cui la nostra Amministrazione crede fermamente, convinti come siamo che la qualità di un ambiente unico come quello del territorio fiesolano sia il nostro più grande valore. E su questo vogliamo puntare per la Fiesole che vogliamo domani.

8 pensieri riguardo “Rifiuti, porta a porta in arrivo”

  1. Una buona cosa è vero, certo però le novità sconvolgono le abitudini e magari se lo sapevamo prima non spendevamo per organizzarci con bidoni differenziati che teniamo in giardino dentro un contenitore di legno per renderli invisibili alla vista dei vicini e mantenere un certo decoro. E ora che ce ne facciamo di questi visto che dobbiamo adoperare altri contenitori che ci viengono forniti da Alia.? E che essendo parecchi non son certo bellini da vedere. Cosa dobbiamo fare costruire un casotto invece di una cassapanca di legno e movibile che abbiamo per ora. E neppure tenerli in bella fila dentro casa magari in una cucina piccola come la mia.

    1. Carissima Lucrezia,
      un inizio deve esserci e sicuramente ci sarà sempre qualcuno che in quel momento preciso ha fatto qualcosa per organizzarsi in qualche modo.
      Ma, mi creda, dopo averne parlato, dopo aver provato a capire quale era la modalità migliore … abbiamo deciso che non potevamo più aspettare e quindi, ora partiamo con le Assemblee, poi con la distribuzione dei mastelli e da giugno … saremo attivi. Per un maggior decoro, per lasciare un ambiente migliore ai nostri figli, nipoti, ecc.
      Sicuramente troverà il modo per utilizzare al meglio i bidoni che ha acquistato.
      Grazie per la Sua collaborazione!!

  2. Buonasera sono Barbara Mannini Lelli …volevo sapere per favore se .questo nuovo tipo di raccolta, che io approvo molto, vale a che per noi che abitiamo in Via di Basciano / Via di San Bartolo . Grazie

  3. Ottimo, finalmente i bidoncini e i mastelli che immagino serviranno non solo per la raccolta, ma anche per il conferimento dei rifiuti!
    A chi chiede cosa farsene dei vecchi che sono in giardino rispondo che chi già correttamente differenziava li aveva già prima del porta a porta e quindi è ininfluente come sia partito il porta a porta. E che c’è anche chi un giardino non ce l’ha e per conferire correttamente si deve arrangiare sul balconcino o anche in casa. Ma se vogliamo un mondo più pulito qualche sacrificio dovremo pur farlo!
    Quindi ben vengano i contenitori, i vecchi che ho già da prima del porta a porta li riciclo!

  4. Buonasera
    Concordo con l’utilità della raccolta porta a porta.
    Volevo sapere, per favore, per chi ha il giardino ed ogni tanto deve smaltire residui organici ingombranti tipo potatura di siepi, vengono sempre raccolti con il porta a porta?
    Grazie

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *